INFERRIATE COSA SAPERE, FOTO DI MARCO ASTI CON TITOLO

Inferriate, cosa sapere per sceglierle bene a Genova

Inferriate: cosa sapere per sceglierle nella maniera corretta? Come tecnico e ideatore del sistema Solograte, in questo articolo voglio darti alcune informazioni basilari per conoscere il mondo delle inferriate. 

Inferriate, cosa sapere?


Sei a Genova e dintorni e devi scegliere delle inferriate? Cosa sapere e come sceglierle sono due passaggi importantissimi. 

Ma cosa significa inferriate? Innanzitutto, le inferriate sono un dispositivo di sicurezza passiva e un ottimo deterrente. Per sicurezza passiva intendo che le inferriate si limitano a proteggere le tue finestre e portefinestre dall’attacco di malintenzionati. A differenza di un sistema di sicurezza attiva, che può essere un impianto di allarme e che ti avverte della presenza di malintenzionati.

Parlavo di deterrente. Bene, le statistiche dicono che oltre il 90% dei tentativi di effrazione occasionali avvengono in abitazioni che non sono provviste di inferriate. Questo vale per la nostra città di Genova, ma non solo. E su questo non aggiungerei altro! Ecco perché è importante informarsi sulle inferriate, cosa sapere e come scegliere quelle che ci occorrono.

Inferriate, cosa sono e in quali categorie si suddividono

Riguardo ai tipi di apertura, distinguiamo 2 macro categorie:

  • le grate fisse 
  • le grate apribili

Cosa sono le inferriate: le grate fisse 

Sulle grate fisse c’è poco da dire. Tendenzialmente, sono le più sicure e noi le consigliamo solo per quelle aperture che non hanno un oscurante all’esterno o per una finestra che non serve a granché. Laddove, invece, la finestra deve essere vivibile, aperta e vi è uno scuro o una persiana all’esterno, noi consigliamo sempre di mettere una grata apribile.

Cosa sono le inferriate: le grate apribili

Riguardo alle grate apribili, poi, si spalanca un mondo a parte. Si può realizzare qualsiasi tipo di apertura. Quindi, aperture scorrevoli dentro il muro, aperture che vanno a ripiegarsi sopra la persiano o lo scuro, fino ad aperture che possono aprirsi anche all’interno di casa. 

Qual è la migliore?Inizialmente, dipende da come le vuoi utilizzare e dal tipo di abitazione. Qui il discorso da fare sarebbe molto lungo e non è questo il momento per farlo. 

Grata di sicurezza apribile: com’è composta

A proposito di inferriate, cosa sapere in proposito e come orientarsi, è importante sapere che una grata di sicurezza apribile è composta da un telaio che viene fissato al muro. Con le tecnologie di oggi non è strettamente necessario murarlo, si può anche fissare con idonei sistemi di fissaggio

La parte del telaio è composta da:

  • un profilo tubolare, quindi vuoto all’interno, che può essere realizzato in acciaio o in ferro. Deve essere di adeguato spessore per resistere al danno; 
  • un’anta mobile incernierata su questo profilo. L’anta mobile, a sua volta, è composta da una parte in tubolare su cui viene poi alloggiata una serratura che comanderà i nostri perni di chiusura
  • la parte centrale della grata che viene realizzata, invece, in materiale pieno per resistere a tentativi di divaricazione con martinetti o anche per resistere al taglio

Ovviamente, gli spessori e la distanza tra i vari elementi vengono indicati dalle varie classi di sicurezza. Infatti, le inferriate possono essere certificate in classi di sicurezza. 

inferriate cosa sapere, componenti di una grata

Le componenti di una grata

inferriate cosa sapere, le componenti di una grata

Le componenti di una grata

Differenze tra una grata non certificata e una grata certificata

Facciamo un esempio: la grata non certificata è la grata che puoi farti fare dal fabbro sotto casa, che non ha passato determinati test che poi ti spiegherò. Quindi, può essere una grata più o meno sicura a seconda dello standard che utilizza il fabbro. Non mi sento di dirti che non è sicura a prescindere, ma chiaramente cambia molto a seconda dello standard con cui è costruita. 

Per quanto riguarda, invece, le grate certificate in classe di sicurezza, queste devono rispondere a determinati standard per ottenere la certificazione.

Inferriate, cosa sapere: le classi di sicurezza 

Le classi di sicurezza sono normate dalle norme UNI EN che vanno dalla 1627 alla 1630, che stabiliscono – appunto – quali sono le classi di sicurezza e quali sono i test da superare. Brevemente, dunque, le classi di sicurezza vanno dalla 1 alla 6, dove la 1 è la minima (dover resistere a calci, pugni e spallate) e la 6 è quella massima (per installazioni militari). 

Nella civile abitazione noi ci concentriamo essenzialmente sulle classi che vanno dalla 2 alla 4. La normativa che ti ho citato prima (quindi le norme UNI dalla 1627 al 1630) stabilisce il lasso di tempo in cui la grata deve resistere e l’attrezzatura che può utilizzare il malintenzionato per scassinarla. Quindi, si va da piccoli utensili, ai piedi di porco, a elettroutensili per la classe 4.

Inoltre, scegliere una grata di classe di sicurezza comporta anche la possibilità di poter detrarre fiscalmente la spesa grazie al bonus sicurezza. 

Se hai bisogno di proteggere la tua casa o i tuoi ambienti, puoi chiedermi una consulenza. Troveremo la soluzione perfetta per le tue esigenze.


DEVI PROTEGGERE I TUOI CARI E LA TUA CASA DA LADRI E MALINTENZIONATI?

Compila il form o scrivici a info@solograte.it

TI CONTATTEREMO ENTRO 24 ORE


Lascia un commento